11nov2018

Comunicato Stampa DMG MORI: Previsione al rialzo per la chiusura di ordini a circa 2,9 miliardi di Euro per l´intero anno. Buoni risultati DMG MORI nel terzo trimestre del 2018


 

 

• L´assunzione di ordini sale del 9% a € 2.270,6 milioni (anno precedente: € 2.088,6 milioni)

• I ricavi delle vendite pari a € 1.857,7 milioni sono superiori del 12% rispetto all´anno precedente (€ 1,656,2 milioni)

• EBIT sale del 20% a € 143,1 milioni (anno precedente: € 119,2 milioni)

• Il free cash flow migliora di 79,9 milioni di euro a 115,5 milioni di euro (anno precedente: 35,6 milioni di euro)

Bielefeld // DMG MORI AKTIENGESELLSCHAFT evidenzia una performance aziendale di successo nei primi nove mesi, con alti tassi di crescita nell´assunzione ordini, ricavi, risultati e free cash flow. L´assunzione di ordini è aumentata del 9% a € 2.270,6 milioni. I ricavi delle vendite sono aumentati del 12% a € 1.857,3 milioni. L´EBIT è pari a € 143,1 milioni, con un aumento del 20%. Il flusso di cassa disponibile è migliorato da 79,9 a 115,5 milioni di euro.

 



Il presidente della direzione Christian Thönes dichiara: "DMG MORI è sulla buona strada. Stiamo promuovendo dinamicamente i nostri argomenti futuri quali automazione, digitalizzazione e ADDITIVE MANUFACTURING. Abbiamo così recentemente ampliato e digitalizzato il nostro stabilimento di produzione FAMOT in Polonia. "

Ordinazione //

L´assunzione di ordini nel terzo trimestre del 2018 è stata di 693,5 milioni di euro (anno precedente:
€ 704,4 milioni). Al 30 settembre, l´assunzione di ordini è aumentata del 9% a € 2.270,6 milioni (anno precedente: € 2.088,6 milioni).

Gli ordinativi interni sono stati pari a 681,9 milioni di euro (+ 7% rispetto all´anno precedente: 639,3 milioni di euro).

Gli ordini internazionali sono cresciuti del 10% a € 1.588,7 milioni (anno precedente: € 1.449,3 milioni). Gli ordini internazionali hanno rappresentato il 70% di tutti gli ordini (anno precedente: 69%).

Ricavi dalle vendite //
I ricavi delle vendite sono aumentati nel terzo trimestre del 17% a € 642,6 milioni (anno precedente:
548,2 milioni di euro). Al 30 settembre i ricavi delle vendite sono aumentati del 12% a € 1.857,7 milioni (anno precedente: € 1.656,2 milioni). La quota di esportazione era del 69% come nell´anno precedente.

Portafoglio ordini //

Al 30 settembre 2018 il portafoglio ordini era pari a € 1.705,8 milioni (31 dicembre 2017: € 1.309,1 milioni). L´elevato portafoglio ordini e l´elevato utilizzo della capacità negli impianti di produzione stanno attualmente allungando i tempi di consegna. Stiamo ulteriormente contrastando questo problema con maggiore flessibilità e solide relazioni commerciali con i nostri partner e fornitori. Inoltre, stiamo investendo ulteriormente nell´espansione delle nostre capacità produttive in Polonia e a Pfronten con nuove aree di assemblaggio e logistica, nonché con tecnologie e centri di soluzioni all´avanguardia.


Risultati delle operazioni, posizione finanziaria e patrimonio netto
//

Gli utili hanno continuato a crescere positivamente: nel terzo trimestre l´EBITDA ha raggiunto 63,7 milioni di euro (anno precedente: 55,5 milioni di euro). L´EBIT è pari a € 50,1 milioni (esercizio precedente: € 41,6 milioni) e EBT aumentato a € 49,4 milioni (anno precedente: € 41,2 milioni). EAT è stato di € 34,6 milioni (anno precedente: € 28,5 milioni). Al 30 settembre l´EBITDA è migliorato a € 184,2 milioni (+ 13%; anno precedente: € 162,8 milioni). L´EBIT è aumentato del 20% a € 143,1 milioni (anno precedente: 119,2 milioni di euro). L´EBT è aumentato del 22% a € 141,7 milioni (anno precedente: € 116,4 milioni). Al 30 settembre 2018, il gruppo segnala EAT di € 99,3 milioni (anno precedente: € 80,5 milioni).

Oltre ai buoni risultati operativi, anche la posizione finanziaria ha registrato un andamento positivo: il free cash flow è migliorato di 79,9 milioni di euro a 115,5 milioni di euro (+ 224%, anno precedente: 35,6 milioni di euro). In particolare, l´aumento dei rimborsi ricevuti a 369,7 milioni di euro ha portato al miglioramento del flusso di cassa (31 dicembre 2017: 290,2 milioni di euro). Al 30 settembre 2018, il totale di bilancio ammontava a € 2.381,1 milioni (31 dicembre 2017: € 2.241,3 milioni). La quota di capitale proprio è stata del 52,4% (31 dicembre 2017: 52,0%).

Dipendenti //

Il 30 settembre 2018 il gruppo aveva 7.479 impiegati, di cui 412 tirocinanti (31 dicembre 2017: 7.101). L´aumento del numero di dipendenti si è verificato in particolari dipendenti in servizio sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre, abbiamo aumentato il personale per rafforzare la nostra capacità produttiva al FAMOT e nei nostri futuri argomenti strategici, soprattutto nei settori dell´automazione, della digitalizzazione e della PRODUZIONE ADDITIVA. Alla fine del terzo trimestre, 4.441 dipendenti (59%) hanno lavorato per le nostre società nazionali e 3.038 dipendenti (41%) per le nostre società internazionali. Le spese per il personale ammontano a 434,8 milioni di euro (anno precedente: 402,5 milioni di euro). Il rapporto spese per il personale è migliorato al 22,4% (anno precedente: 23,8%).

 

 

Ricerca e Sviluppo //

Le spese per ricerca e sviluppo nei primi nove mesi sono ammontate a 42,4 milioni di euro (anno precedente: 37,5 milioni di euro). Presso l´AMB di Stoccarda abbiamo presentato 32 macchine, di cui 13 con automazione. Abbiamo dimostrato una costruzione additiva di alta precisione con la seconda generazione LASERTEC 30 SLM. Accanto alla ADDITIVE MANUFACTURING e all´automazione, un´ulteriore evidenziazione è stata la digitalizzazione integrata, dalla pianificazione e preparazione del lavoro fino alla produzione, al monitoraggio e all´assistenza.
Nell´impianto di produzione FAMOT abbiamo digitalizzato per la prima volta tutta la nostra catena del valore aggiunto utilizzando i nostri prodotti modulari di ISTOS, DMG MORI Software Solutions e WERKBLiQ, che abbiamo presentato agli esperti durante la nostra inaugurazione l´8 ottobre. Con la nostra fabbrica digitale del futuro stabiliamo standard in tutto il mondo.

Previsione //

Il mercato mondiale delle macchine utensili dovrebbe aumentare del + 8,5% a 77,2 miliardi di euro nel 2018 secondo le ultime previsioni della tedesca Machine Toolers Association (VDW) e dell´istituto di ricerca economica britannico, Oxford Economics (previsioni di aprile: + 5,9%). Tuttavia, gli effetti valutari e i possibili effetti delle incertezze geopolitiche, come il conflitto commerciale tra USA e Cina, nonché l´attuale situazione del debito in Italia, non sono stati presi in considerazione. Se rettificato per gli effetti valutari, la previsione basata sull´euro mostra una crescita del + 5,2% (74,8 miliardi di euro) e quindi le prime tendenze di una dinamica decrescente (previsione di aprile: + 6,1%).

DMG MORI sta aumentando il proprio target per l´assunzione di ordini per l´intero anno, basandosi sul buon andamento degli ordini acquisiti nei primi nove mesi: si prevede che l´assunzione di ordini raggiungerà circa 2,9 miliardi di euro (in precedenza: circa 2,7 miliardi di euro). I ricavi di vendita rimangono invariati a circa 2,55 miliardi di euro. L´EBT dovrebbe essere di circa € 200 milioni. Per il flusso di cassa gratuito ci aspettiamo circa 125 milioni di euro per l´intero anno.

DMG MORI è ben posizionato tecnologicamente, strutturalmente e culturalmente. La nostra combinazione unica di dinamica ed eccellenza costituisce una solida base per il futuro e le mutevoli condizioni del mercato.

DMG MORI AKTIENGESELLSCHAFT
Il comitato esecutivo

 

Liste des nouvelles